Archivio dei tag alternativa al parquet

DiArch. Christian Ruisi

Le alternative al Parquet naturale

La realizzazione di un pavimento in parquet è una tra le più frequenti richieste effettuate dai clienti nelle ristrutturazione di ambienti domestici.

La scelta del parquet è diventata molto popolare per la particolare eleganza che una pavimentazione in legno può donare alla propria abitazione. I vantaggi che si hanno scegliendo di realizzare un pavimento in parquet nella propria casa sono molteplici:

  • Dialoga perfettamente sia con uno stile classico che moderno.
  • Dona calore all’intero dell’ambiente.
  • Dilata o restringe lo spazio in base all’orientamento di posa dei listelli.
  • Introduce la natura all’interno della casa.
  • Al tatto è caldo e naturale.
  • Rappresenta uno “status symbol”.

Di contro il parquet richiede molta manutenzione ed ha un costo non indifferente (da 30€ a 70€ al mq).

ESEMPIO:
– La nostra stanza è di 16 mq
– il costo del parquet varierà (in base al modello che scegliamo) dai 500€ fino ad arrivare ai 1.100€

Per questi due importanti motivi abbiamo deciso di parlarvi delle alternative al parquet, analizzandone pro e contro, al fine di trovare quello più adatto alle vostre esigenze.

I pavimenti laminati

I pavimenti laminati sono quelli che maggiormente riproducono l’effetto del parquet. La differenza tra il parquet naturale e questo materiale è minima, infatti, i non esperti del settore non noteranno la differenza. Lo spessore di questo materiale varia da 6 mm a 12 mm e la posa avviene attraverso il sistema flottante (i pannelli vengono incastrati tra di loro, senza l’utilizzo di colle o chiodi).

PRO:

  • Sono più resistenti del parquet naturale
  • Resistono maggiormente all’usura
  • Sono facili da pulire.
  • Hanno un costo contenuto che varia da 5€ a 20€.

Non esistono contro degni di nota. L’unica vera differenza è che rimane pur sempre un materiale artificiale e non naturale.

In conclusione questo materiale è un ottima alternativa al parquet.

I pavimenti vinilici in PVC

L’acronimo LVT (Luxury Vynil Tiles) viene utilizzato per definire i pavimenti vinilici in PVC. Grazie allo spessore ridotto che varia da 1,5 mm ai 5 mm permette di posare il pavimento su quello preesistente, velocemente e senza dover rimuovere nulla. Infatti non andrà a ostacolare l’apertura di porte e porte-finestre.

In commercio esistono due tipi si pannelli vinilici in PVC:

  • Pannelli in PVC adesivi: la colla è già presente nel listello.
  • Pannelli in PVC flottanti: i pannelli vengono incastrati tra di loro, senza l’utilizzo di colle o chiodi.

PRO:

  • Sono impermeabili e possono essere utilizzati in ambienti umidi.
  • Sono facili da pulire.
  • Il PVC è totalmente riciclabile.
  • Hanno un costo contenuto che varia da:
    • 10€ a 30€ al mq per i pannelli adesivi.
    • 20€ a 40€ al mq per i pannelli flottanti.

CONTRO:

  • Visivamente è piatto e non presenta quella ruvidezza propria del parquet naturale.

In conclusione questo materiale rappresenta un alternativa valida al parquet per tutte quelle ristrutturazione che richiedono tempi ridotti e in special modo per attività commerciali.

Il gres porcellanato

Il gres porcellanato è un materiale innovativo creato in tempi recenti. Riproduci quasi fedelmente l’aspetto del legno unendo le proprietà del gres. Le piastrelle in gres hanno uno spessore che varia da 8 mm a 35 mm e la loro posa richiede la rimozione del pavimento preesistente.

PRO:

  • Per le sue proprietà è adatto per essere utilizzato in ambienti umidi.
  • E’ molto resistente.
  • E’ facile da pulire.
  • Può essere utilizzato per gli ambienti esterni.
  • Ha un costo contenuto che varia da 6€ a 60€

CONTRO:

  • Tra una piastrella e l’altra si vedono le fughe.

In conclusione questo materiale è consigliato a chi vuole avere in casa un parquet senza rinunciale alle proprietà resistenti del gres porcellanato.

Qual è la migliore alternativa al parquet?

Per concludere noi di ArchiFaber consigliamo:

  • Il PAVIMENTO LAMINATO per chi vuole un prodotto quanto più simile al parquet.
  • Il PAVIMENTO VINILICO IN PVC per le ristrutturazioni di attività commerciali.
  • Il GRES PORCELLANATO per chi predilige la resistenza all’estetica.