Archivio dei tag louvre

DiArch. Gabriele Passafiume

Chi era Ieoh Ming Pei, l’architetto che disegnò il Louvre

Venuto a mancare lo scorso 16 maggio all’età di 102 anni, Ieoh Ming Pei è stato uno degli ultimi grandi maestri dell’architettura modernista. L’architetto cinese, naturalizzato statunitense, vinse il premio Pritzker nel 1983 per aver “dato a questo secolo alcuni dei più belli spazi interni e forme esterne”. Studiò al Massachusetts Institute of Technology, dove si laureò nel 1940. In seguito, nel 1946, ottenne il master in architettura ad Harvard dove ebbe l’occasione di conoscere e diventare allievo di Gropius e Breuer. Nel 1955 Pei aprì finalmente un suo studio d’architettura che chiamò I. M. Pei & Partners fino al 1989, quando venne rinominato Pei Cobb Freed & Partners per premiare il lavoro di James Ingo Freed e Henry N. Cobb.

Ieoh Ming Pei – Foto by Dezeen

Probabilmente conosciuto soprattutto come il progettista che si occupò della ristrutturazione e dell’ampliamento del Grand Louvre, nel corso della sua carriera ha realizzato oltre 60 progetti sparsi in tutto il mondo dimostrando di saper usare alla perfezione materiali come il vetro, la pietra, l’acciaio e il calcestruzzo.

Ieoh Ming Pei - Louvre
I.M. Pei in posa per una foto davanti la piramide di vetro del Louvre, da lui progettata, prima della sua inaugurazione a Parigi. (Foto: AP)

Il discusso progetto del Grand Louvre

Ieoh Ming Pei fu scelto nel 1983 dall’allora presidente francese François Mitterrand per progettare il nuovo grande ingresso che sarebbe servito ad accogliere il crescente numero di visitatori e riorganizzare gli interni del museo. Fu lui a progettare la piramide, la cui entrata fu aperta nel marzo del 1989, curiosamente l’anno del bicentenario della Rivoluzione francese.
Con la piramide, il Museo del Louvre assunse una nuova dimensione, diventando un riferimento nazionale ed internazionale e amato da visitatori e parigini al punto da diventare un vero e proprio simbolo.

Louvre - vista esterna
Vista esterna della piramide di ingresso del Louvre, sulla Cour Napoléon – Foto by Pei Cobb Freed & Partners

All’inizio però fu inviso all’opinione pubblica in quanto rappresentava un intervento aggressivo in un sito già consolidato.
Nonostante questo il progetto è riuscito a dialogare e farsi accettare dal contesto grazie anche alla consapevolezza che il complesso edilizio su cui si interveniva era la risultante di una serie di interventi realizzati nell’arco di 800 anni.

Ieoh Ming Pei – Piramide Louvre - Interno
Ieoh Ming Pei – Piramide Louvre (Interno) – Foto by Pei Cobb Freed & Partners

I.M. Pei oltre il Louvre

La carriera dell’architetto cinese però di certo non si può ridurre al progetto delle piramidi del Louvre. Le sue realizzazioni hanno aggiunto eleganza ai paesaggi di tutto il mondo con le loro potenti forme geometriche e con i loro esterni meravigliosamente progettati. Tra queste ci sono l’imponente grattacielo Bank of China in acciaio e vetro a Hong Kong o il Deutsches Historisches Museum di Berlino.

Ieoh Ming Pei - Bank of China Tower
Ieoh Ming Pei – Bank of China Tower – Foto by WiNG

Pei ha ricercato scrupolosamente ogni progetto, studiandone gli usi e relazionandoli all’ambiente. Ma era anche interessato all’architettura come all’arte e all’effetto che poteva creare. “Ad un certo livello il mio obiettivo è semplicemente quello di dare alle persone piacere nell’essere in uno spazio e girovagare intorno”, ha detto. “Ma penso anche che l’architettura possa raggiungere un livello in cui influenza le persone a voler fare qualcosa di più con le loro vite. Questa è la sfida che trovo più interessante.”

Ieoh Ming Pei - Deutsches Historisches Museum
Deutsches Historisches Museum – Foto by Hanlu-temp

Il suo lavoro ha attraversato decenni, a partire dalla fine degli anni ’40 e proseguendo nel nuovo millennio. Due dei suoi ultimi grandi progetti, il Museum of Islamic Art, situato su un’isola artificiale appena fuori dal lungomare di Doha, in Qatar e il Macau Science Center, in Cina, sono stati inaugurati nel 2008 e nel 2009. Ha progettato anche in Italia, realizzando nel 2010 il Palazzo Lombardia, attuale sede regionale.

Palazzo Lombardia - Pei
Palazzo Lombardia – Foto by Pei Cobb Freed & Partners